Cosa sono le ovaie policistiche?

Le ovaie policistiche consistono nella presenza di numerosi follicoli nelle ovaie di una donna. È una caratteristica propria di ciascun ovaio e viene determinata alla nascita.
Le ovaie di tipo policistico in sè non hanno rilevanza, ma associate ad altri sintomi potrebbero avere un impatto sulla salute della donna.

Ovaie policistiche, cosa sono?

La sindrome dell’ovaio policistico è l’associazione di ovaie di caratteristiche policistiche con altri sintomi, come per esempio i peli in eccesso nelle zone che sono più tipiche nell’uomo o cicli mestruali irregolari che possono addirittura arrivare a superare i 40 giorni.

Diagnosi

La diagnosi della sindrome dell’ovaio policistico è di solito fatta durante l’adolescenza quando i cicli mestruali si rivelano irregolari o davanti alla scomparsa degli stessi. Un altro momento per la diagnosi è quando la donna cerca una gravidanza e non riesce ad ottenerla, dato che uno dei problemi con i quali ci possiamo incontrare è la sterilità a causa della mancanza di una corretta ovulazione.

Il test diagnostico che ci aiuta a riconoscere questo tipo di ovaie è l’ecografia dato che ci permette di vederle e determinare se le loro caratteristiche sono compatibili con l’ovaio policistico.

Trattamento

Le ovaie policistiche non hanno cura perché sono considerate come una caratteristica propria di ogni donna. Nel caso in cui la sindrome dell’ovaio policistico va associata ad altri sintomi la cura verrà determinata dipendendo dal sintomo che si vuole trattare. Se il problema principale sono i peli superflui, si utilizzerà un trattamento per provare a ridurli. Se il problema sono i cicli irregolari, si potranno prendere contraccettivi per ottenere dei cicli più regolari; ma se il problema è legato alla difficoltà di ottenere una gravidanza, si dovrà optare per una induzione dell’ovulazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *