Ovodonazione: ottenere lo spessore dell’endometrio pronto per il trasferimento di embrioni

Senza alcun dubbio, ottenere pronto lo spessore dell'endometrio è una delle cose che più spesso danno luogo a confusione in quei pazienti riceventi di ovuli. Spessore e struttura sono due variabili che erano state ampiamente discusse in una miriade di articoli. E dobbiamo ancora metterci d'accordo su quali siano le migliori condizioni dei singoli per raggiungere i più alti tassi di gravidanza.

Inoltre, i medici stanno ancora discutendo quale sia il modo megliore per ottenere un buon endometrio per il trasferimento degli embrioni. Una recente revisione Cochrane ha concluso che non c'è un protocollo ideale: estradiolo pillole o cerotti, progesterone vaginale o intramuscolare, GnRH agonisti o non per impedire l'ovulazione spontanea. Tutti questi studu  hanno mostrato risultati simili. Come avviene la maggior parte delle volte si consiglia di realizzare ulteriori studi per giungere a conclusioni significative. Tuttavia, ci sono prove di un basso tasso di gravidanza ed un più alto tasso di annullamento del ciclo quando la supplementazione di progesterone viene iniziata prima del recupero delle ovuli.

Secondo questi dati le nostre attuali raccomandazioni, basate sul fatto di  mantenere le cose più semplici possibili senza perdene l’efficacia, sono:

– Uso di pillole di estradiolo prendendole oralmente, vaginalmente o dei cerotti transdermici.

– Non vi è alcuna necessità di bloccare l'ovulazione con anologhi del GnRH. La maggior parte del tempo l'estradiolo stesso agisce come pillole anticoncezionali, bloccando il ciclo naturale.

– Inizio del progesterone dopo il pick up ovocitario, così avremo tempo per riassegnare la paziente ricevente con una nuova donatrice nel caso ci fosse errore imprevisto nella fecondazione.

– Utilizzare sempre progesterone vaginalmente. Prendendolo oralmente ha gli stessi problemi dell'estradiolo e la via intramuscolare non è esente da rischi, alcuni di loro veramente gravi (come la polmonite eosinofila acuta)

Per quanto riguarda i valori limite per decidere se sia meglio annullare il ciclo,  ci sono ancor più controverse. In primo luogo perché alcuni aspetti come la struttura ecografica dell’endometrio sono molto soggettivi e in secondo luogo perché finora nessuno studio è stato in grado di provare, qualle sia lo spessore minimo o massimo che dovrebbe prevedere l'esito di un ciclo (tenere presente che in questo caso lo grosso non è sempre il migliore). Ci sono studi svolti da importanti gruppi dimostrano persino che con un sottile endometrio inferiore a 4 mm si ottengono tassi di gravidanza normale. Alcune delle ragioni di queste enormi differenze nelle conclusioni può dovversi al momento in cui viene misurato lo spessore endometriale (ad esempio, una volta che è stato avviato il progesterone l’endometrio tende a ridurrsi un po') o anche dove si realizzano le misurazioni (vicino al fundus, nella metá del  corpo dell'utero, istmo…).

A causa di questa variabilità alcuni dei pazienti (soprattutto i pazienti che sono venuti dall'estero per fare un ciclo di donazione di ovuli in Spagna), può arrivare a una perdita di fiducia nel Dottore perché tutto questo può indurre in confusione. In questi casi la nostra raccomandazione sarà sempre la stessa: nessuno spera nel  successo pù della  paziente e del personale che la tratta, così si deve avere fiducia nello specialista che avete scelto. Almeno fino a che quel gruppo pubblichi dei buoni risultati di gravidanza!

Detto ciò, e sulla base dei dati che abbiamo raccolto, consideriamo che lo spessore dell’endometrio sarà pronto per il trasferimento se l’ottavo giorno  del ciclo l'endometrio sarà almeno di 6 mm di spessore. E quindi non valutiamo la struttura endometriale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *